Casella di testo: Legislazione
Inseriti gli Obiettivi specifici di apprendimento per l’IRC nella scuola secondaria di secondo grado approvati il 13/10/2005
Obiettivi specifici di apprendimento per l’IRC nella scuola secondaria di primo grado.
Obiettivi specifici di apprendimento nella scuola primaria. Un testo fondamentale per tutti gli insegnanti di qualsiasi ambito disciplinare.
PROFILO TERMINALE PER LO STUDENTE fino ai 14 anni
Obiettivi specifici di apprendimento per l’IRC nella scuola primaria
Piani personalizzati per la scuola dell’infanzia

In questa pagina troverete alcuni spunti interessanti per gli amici insegnanti di religione (e non solo): spunti di didattica, documenti legislativi, presentazione di alcune schede da me realizzate, immagini  e quant’altro possa servire a chi si trova nel mondo della scuola. Ovviamente spero anche nel contributo di chi legge per arricchire questa sezione! Per visualizzare gran parte del materiale proposto è necessario avere installato Acrobat Reader: se non lo possiedi clicca qui e scaricalo gratuitamente

Casella di testo: Suggerimenti didattici...

Volevo presentarvi alcuni appunti riassuntivi utili all’insegnante su protestanti ed evangelici. Cosa credono e cosa professano. 	

Cantico delle Creature di San Francesco con la spiegazione del TAU (classe 4a o 5a)

Scheda riassuntiva sulla vita degli evangelisti con esercitazione pratica

Scheda con la sinossi evangelica per una esercitazione pratica sui Vangeli sinottici

Tutte le informazioni necessarie per fare una bellissima visita culturale nella Valle Reatina, sulle orme di San Francesco





Casella di testo: Arte e IRC
        
La Natività di Jacopo Torriti: scheda di esercitazione pratica per gli alunni, dopo un’attenta analisi dell’opera d’arte. 
Vedi l’immagine (mi dispiace ma la qualità non è ottima!)

I Re Magi di Koder. Leggi il testo per la spiegazione 

L’Annunciazione del Beato Angelico (1433-1434)

I Re Magi di Giotto

 Il volto di San Francesco: lettura del testo di Tommaso da Celano che descrive l’aspetto del Santo di Assisi con osservazione dell’immagine di un autore anonimo che si trova nel santuario di Greccio.

Beh… per le magie proprio non mi sono ancora attrezzato!

 

Ultimo aggiornamento 27/5/2006

Casella di testo: Per (tutti) gli insegnanti

Insegnanti di religione: FINE DELLA DIETA! Una circolare che riammette gli insegnanti di religione impegnati nelle ore pomeridiane, nella mensa scolastica

Informazioni utili per quanto riguarda la posizione delle retribuzioni. Una nota informativa utile a tutti i colleghi di religione.


Ogni tanto serve anche a noi insegnanti leggere qualche pagina che possa ricordarci dello spirito con cui ci avventuriamo quotidianamente nel mondo della scuola. E questo testo di S.Agostino che vi propongo spero possa essere per tutti gli insegnanti un valido stimolo a rinnovare ogni giorno l’impegno ad educare.


Firmato in via definitiva il contratto scuola; biennio economico 2004/2005
E'  stato finalmente il 7/12/2005  dopo la ratifica del Consiglio dei Ministri avvenuta dopo due mesi dalla sottoscrizione a seguito della certificazione positiva da parte della Corte dei Conti (6/12/2005), il nuovo contratto di lavoro per la scuola. Tale tardiva firma conclusiva difficilmente consentirà di avere aumenti ed arretrati entro il mese di dicembre 2005.
Ricordiamo che il Contratto scuola sottoscritto tra l'Aran (agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni) e  CGIL, CISL, UIL, SNALS, GILDA-UNAMS consentirà di avere nelle buste paga degli insegnanti circa 120 euro lordi medi di aumento (119,83 per un docente di scuola media con 21 anni di servizio); allo stesso docente andranno inoltre 81 euro una tantum e 2.371,66 euro lordi di arretrati (fonte SNADIR). Clicca qui per leggere tutto il Contratto.
Casella di testo: Schede per la Scuola Elementare

Una scheda riassuntiva sulla Storia della Chiesa. Un contributo per visualizzare i passaggi più importanti. Impresa ambiziosa, lo so, ma apprezzatene lo sforzo! Classe V

I cinque pilastri della religione islamica e un approfondimento su La Mecca  Classe V

Una scheda (per tutti!) sulle principali festività ebraiche   Classe V

Grazie all’aiuto di due bravissime alunne, Sara ed Eleonora, ecco una scheda sulla Menorah (il candelabro a sette bracci, simbolo della religione ebraica) e sulla comunità ebraica di Roma  Classe V

scheda con una serie di parole-chiave da spiegare e da far comprendere.

Ecco una scheda riassuntiva per l’insegnante con tutte le citazioni bibliche e i passi scelti per gli alunni per presentare le figure di Abramo, Giuseppe e Mosè. Un modo per abituare i bambini a leggere e ad ascoltare il testo biblico. Adatto ai bambini di terza elementare.  Classe III

Tratto da un libro “Madre della Carità di LUSH GJERGJI ed. VELAR” vi presento un testo molto interessante che si può presentare ai bambini delle classi IV e V per descrivere in modo significativo la figura di Madre Teresa di Calcutta. All’interno sono contenute alcune sue testimonianze e  poesie. Classe IV

Scheda riassuntiva sui viaggi di San Paolo. Con la cartina! Classe IV

Scheda riassuntiva sulla vita degli evangelisti con esercitazione pratica Classe IV


Una semplice scheda da me disegnata che collega la grotta di Betlemme al Sepolcro. Due misteri che si uniscono.

Una scheda per esercitazioni pratiche sul Cantico delle Creature Classe II
Scuola
Casella di testo: 	 I Miei Orari Di Ricevimento
Il primo e il terzo lunedì di ogni mese alle ore 15.30 presso la scuola G.Alessi/Villaggio Olimpico, previa comunicazione scritta
Il primo e il terzo martedì di ogni mese alle ore 16.30 presso la scuola Ronconi, previa comunicazione scritta
Il secondo e il quarto mercoledì di ogni mese alle ore 16.30 presso la scuola Ruspoli, previa comunicazione scritta
www.andreagironda.it
Casella di testo: Emozioni di un insegnante alla fine dell’anno scolastico tà
Un insegnante di religione (IdR) vive questo periodo dell’anno scolastico (a soli 13 giorni effettivi di scuola) sicuramente facendo un count-down, non per contare con insofferenza le ore che ci portano alle vacanze estive, ma per calcolare quante lezioni mancano e quanto tempo c’è da spendere con i propri bambini, ragazzi. Ci si avvia verso il finale dell’anno con una certa stanchezza, è vero, ma anche con un sentimento che almeno a me personalmente mi assale ogni volta: la nostalgia. Sì perché la scuola è un mondo fatto di incontri e rapporti continui, con i studenti prima di tutto, ma anche con i colleghi, con il personale ausiliario, con le famiglie. Per un IdR ai primi anni di servizio come me poi, la situazione è ancora più delicata, perché oltre alla nostalgia si aggiunge anche l’incertezza dovuta al fatto che non si sa dove si insegnerà l’anno seguente. E così entro in classe, guardo attentamente i miei alunni, li squadro, cerco di non pensare al fatto che forse potrebbero essere gli ultimi incontri con loro. Penso e ripenso a quanto detto e quanto costruito, cercando di non farmi distrarre dal mio lavoro. E così mi assale una sensazione che mi fa capire che la fine sta per arrivare, con tutte le emozioni che ne consegue. Saluti, strette di mano, congratulazioni, ringraziamenti… le solite parole, i soliti commenti, ma con gli auguri sempre sinceri. Qualche giorno fa salutavo una mia alunna che torna a vivere in Perù, nel suo paese d’origine, e pensavo a chissà se un giorno ci rincontreremo mai: è così per chi è destinato a cambiare ciclo di scuola, per chi si trasferisce per un cambio di casa. La scuola è un vero punto di incontro, una fotografia sempre diversa di anno in anno; questo se vogliamo è affascinante, ma per chi come me odia le separazioni questo è devastante. Non è facile mantenere in questa fase dell’anno la solita serenità e concentrazione; per me che sono un sentimentale glisserei volentieri questa fase per arrivare subito a settembre e ricominciare.
Casella di testo: Emozioni di un insegnante alla fine dell’anno scolastico  
Un insegnante di religione (IdR) vive questo periodo dell’anno scolastico (a soli 13 giorni effettivi di scuola) sicuramente facendo un count-down, non per contare con insofferenza le ore che ci portano alle vacanze estive, ma per calcolare quante lezioni mancano e quanto tempo c’è da spendere con i propri bambini, ragazzi. Ci si avvia verso il finale dell’anno con una certa stanchezza, è vero, ma anche con un sentimento che almeno a me personalmente mi assale ogni volta: la nostalgia. Sì perché la scuola è un mondo fatto di incontri e rapporti continui, con i studenti prima di tutto, ma anche con i colleghi, con il personale ausiliario, con le famiglie. Per un IdR ai primi anni di servizio come me poi, la situazione è ancora più delicata, perché oltre alla nostalgia si aggiunge anche l’incertezza dovuta al fatto che non si sa dove si insegnerà l’anno seguente. E così entro in classe, guardo attentamente i miei alunni, li squadro, cerco di non pensare al fatto che forse potrebbero essere gli ultimi incontri con loro. Penso e ripenso a quanto detto e quanto costruito, cercando di non farmi distrarre dal mio lavoro. E così mi assale una sensazione che mi fa capire che la fine sta per arrivare, con tutte le emozioni che ne conseguono . Saluti, strette di mano, congratulazioni, ringraziamenti… le solite parole, i soliti commenti, ma con gli auguri sempre sinceri. Qualche giorno fa salutavo una mia alunna che torna a vivere in Perù, nel suo paese d’origine, e pensavo a chissà se un giorno ci rincontreremo mai: è così per chi è destinato a cambiare ciclo di scuola, per chi si trasferisce per un cambio di casa. La scuola è un vero punto di incontro, una fotografia sempre diversa di anno in anno; questo se vogliamo è affascinante, ma per chi come me odia le separazioni tutto ciò è emotivamente devastante. Non è facile mantenere in questa fase dell’anno la solita serenità e concentrazione; per me che sono un sentimentale glisserei volentieri questa fase per arrivare subito a settembre e ricominciare.